mafalda-dubbio

 

 

 

 

 

           COSA DEVE FARE UN TNPEE

            PER LA FORMAZIONE ECM ? 

 

 

Tutti coloro che sono regolarmente iscritti all’ANUPI TNPEE sono stati inseriti dalla nostra segreteria nella banca dati del Co.Ge.A.P.S. (Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie), occorre quindi che ogni singolo professionista si registri sul portale Co.Ge.A.P.S. e, a registrazione avvenuta, acceda alla propria pagina dedicata, per poter verificare la propria posizione e segnalare eventuali inesattezze secondo le modalità indicate direttamente su tale sito.

 

>> BANCA DATI Co.Ge.A.P.S. <<

Occorre tenere presente che i Provider hanno 90 giorni di tempo, dal giorno della fine dell’evento, per registrare i crediti.

L’obbligo formativo standard per il triennio 2014/2016 rimane fissato a 150 crediti nel triennio.

Coloro che hanno ACQUISITO CREDITI IN ESUBERO RISPETTO all’obbligo formativo per il 2011/2013 hanno diritto, nel triennio seguente (2014/2016), ad una riduzione dell’obbligo formativo che va calcolato seguendo le indicazioni riportate nella tabella DI CUI ALL’ART.1 COMMA 3 della Determina della CNFC del 23 luglio 2014-10 ottobre 2014.

 

IN SEGUITO ALLA DELIBERA DEL 7 LUGLIO 2016, TUTTI I PROFESSIONISTI, SIA CHE OPERINO IN REGIME DI DIPENDENZA CHE NON, HANNO DIRITTO AD ACQUISIRE I PROPRI CREDITI SENZA VINCOLO DI NUMERO PER ANNO SOLARE E DIRITTO ALL’AUTOAPPRENDIMENTO ED ALL’AUTOFORMAZIONE COME INDICATO NELLA  DETERMINA DEL 17 LUGLIO 2013, ART.5.

Ogni professionista può avere diritto a esoneri ed esenzioni per conoscere i quali occorre consultare la Determina della CNFC del 17 luglio 2013.

Si precisa che in questi casi è compito del professionista segnalare la propria posizione al Co.Ge.A.P.S. producendo autocertificazione o documenti specificamente richiesti da tale organismo.

Per i neo-laureati l’obbligo formativo comincia dal gennaio dell’anno successivo a quello di laurea (es. coloro che si sono laureati a novembre 2014 saranno soggetti a formazione ECM dal 2015), sono certificabili coloro che assolveranno il numero di crediti necessari a concludere il triennio (es. per coloro che si laureano nel 2014 l’obbligo formativo standard per il triennio 2014/2016 sarà di 100 ECM)

 

 

Consigliamo vivamente di fare riferimento alle due determine ed alla delibera sopra citate, contenenti tutte le informazioni necessarie.

Il Co.Ge.A.P.S. ha messo inoltre a disposizione un servizio di back-office:

TEL.06.36000893 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00


 

 

 

 Da alcuni giorni la segreteria ANUPI ha ricevuto da parte del Co.Ge.A.P.S. (banca dati nazionale dei crediti ECM) le prime certificazioni riguardo all’adempimento della formazione ECM dei propri iscritti, tale certificazione viene rilasciata a tutti coloro che nel triennio 2011/2013 hanno assolto l’obbligo formativo che prevedeva l’acquisizione di 150 crediti.

A breve sarà completato ad opera del Co.Ge.A.P.S., l’invio dei rimanenti certificati, ANUPI invierà in seguito ai propri associati tali certificazioni.

Ci preme sottolineare l’importanza di questo evento che accade per la prima volta dall’istituzione degli ECM, che in questi anni è andata perfezionando sempre più il proprio valore e la propria portata.

Riteniamo che tale evento sia di grande rilievo in quanto questa certificazione diventa garanzia per l’utenza, garantendo che il professionista è costantemente aggiornato rispetto alla propria professione. Coloro che non hanno assolto l’obbligo dei 150 crediti avranno in ogni caso un’attestazione riguardante i crediti acquisiti.

 

 

Educazione Continua in Medicina (ECM) è un programma nazionale di attività formative, attivo in Italia dal 2002. L'ECM prevede il mantenimento di un elevato livello di conoscenze relative alla teoria, pratica e comunicazione in campo medico.

In Italia è obbligatorio per tutti i professionisti della Sanità, con il fine di mantenere aggiornati e competenti i propri associati.

L’ECM è quindi il processo attraverso il quale il professionista della salute garantisce il proprio aggiornamento, con lo scopo di rispondere sempre meglio ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio Sanitario e anche al proprio bisogno di sviluppo professionale.

Pertanto il programma nazionale di E.C.M., riguarda tutto il personale sanitario, medico e non medico, dipendente o libero professionista, operante nella Sanità, sia privata che pubblica.

La formazione continua in medicina comprende l’acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta.

Dal 1 gennaio 2008, con l’entrata in vigore della Legge 24 dicembre 2007, n. 244, la gestione amministrativa del programma di E.C.M. ed il supporto alla Commissione Nazionale per la Formazione Continua, fino ad oggi competenze del Ministero della salute, sono stati trasferiti all’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas).

 

 

 

 

 

 Il programma E.C.M. prevede l'attribuzione di un numero determinato di crediti formativi per ogni area specialistica medica e per tutte le professioni sanitarie. La Commissione ha ritenuto opportuno prevedere una progressione nel numero di crediti acquisibili annualmente, istituendo un programma definito per i cinque anni a partire dal 2002 fino al 2006; dovevano essere conseguiti progressivamente fino ad un totale di 150 crediti formativi.

 

  • 2002: 10 crediti
  • 2003: 20 crediti
  • 2004: 30 crediti
  • 2005: 30 crediti
  • 2006: 30 crediti
  • 2007: 30 crediti

E’ datato 1° agosto 2007 l'accordo Stato–Regioni concernente il Riordino del sistema di Formazione continua in Medicina. Nell'accordo è riportato, tra l'altro, che ogni professionista sanitario deve acquisire 150 crediti formativi nel triennio 2008-2010 secondo la seguente ripartizione: 50 crediti/anno (minimo 30 e massimo 70 per anno) per un totale di 150 nel triennio 2008-2010. In particolare, dei 150 crediti formativi del triennio 2008-2010, almeno 90 dovranno essere "nuovi" crediti, mentre fino a 60 potranno derivare dal riconoscimento di crediti formativi acquisiti negli anni della sperimentazione a partire dall'anno 2004 fino all'anno 2007.

In data 5 novembre 2009 è stato siglato l'Accordo Stato–Regioni concernente "Il nuovo sistema di formazione continua in medicina", nel quale viene stabilito quanto segue: "La quantità di crediti ECM che ogni professionista della sanità deve acquisire per il periodo 2008-2010 è di 150 crediti ECM sulla base di 50 ( minimo 25, massimo 75) ogni anno. Per questo triennio possono essere considerati, nel calcolo dei 150 crediti, anche 60 crediti già acquisiti negli anni precedenti."

Nell'Accordo Stato-Regioni siglato il 19 aprile 2012 è riportato quanto segue: "In considerazione del contesto generale e ritenendo comunque opportuno confermare il debito complessivo dei crediti a 150 per il triennio 2011-2013 (50 crediti annui, minimo 25 massimo 75) si prevede la possibilità per tutti i professionisti sanitari di riportare dal triennio precedente (2008-2010) fino a 45 crediti. Per quanto riguarda i professionisti sanitari operanti nel territorio abruzzese colpito dal terremoto del 2009, in base alla determina della Commissione nazionale per la formazione continua, il debito formativo per il 2011 è di 30 crediti di cui obbligatori 15.”

Sul portale Co.Ge.A.P.S. è presente il servizio MyECM, che mette a disposizione di ogni professionista sanitario, una pagina personalizzata tramite la quale è possibile monitorare comodamente online la propria situazione formativa per i crediti acquisiti tramite eventi organizzati dai provider accreditati dalla Commissionale Nazionale per la Formazione Continua.

Su myECM il professionista può:

verificare l’ammontare dei crediti E.C.M. suddivisi per anno e tipologia di offerta formativa (formazione a distanza, residenziale e sul campo);

consultare un elenco degli eventi formativi per i quali ha conseguito crediti, contenente tutte le informazioni relative a ciascuno di essi;

consultare un elenco di eventi di prossimo svolgimento, filtrato in maniera automatica dal sistema sulla base delle discipline associate.

Con il servizio myEcm il professionista può esprimere la propria opinione su ogni corso frequentato. Il giudizio viene registrato dall’ufficio E.C.M. , in forma rigorosamente anonima e contribuisce a creare una valutazione dei singoli provider.

Questa valutazione sarà successivamente resa pubblica e permetterà sia di facilitare la scelta di eventi di qualità a tutti i professionisti sanitari, sia di premiare il merito dei provider che hanno fornito i servizi migliori. si ritiene infatti che, in questo modo, si possa favorire il progresso del sistema E.C.M. nella sua interezza. Una valutazione corretta è fondamentale, viene quindi raccomandato a tutti i professionisti di esprimere la propria opinione, liberamente e con obiettività.

A breve il Co.Ge.A.P.S. intende giungere alla realizzazione di una newsletter periodica, contenente notizie sui corsi di prossimo svolgimento e sull’E.C.M. in generale. E’ possibile fin d’ora richiedere la newsletter al momento della registrazione.

Come si accede al servizio MyECM

Per attivare un account e accedere a MyECM è sufficiente effettuare la procedura di registrazione, cliccando sul link registrazione professionisti sanitari che si trova nella colonna destra della pagina. Una volta completata la richiesta, nome utente e password saranno inviati automaticamente tramite posta elettronica.

Esoneri, esenzioni, tutoraggio individuale, formazione all’estero, autoapprendimento

È esonerato dall'obbligo dell'E.C.M. il personale sanitario che frequenta, in Italia o all'estero, corsi di formazione post-base propri della categoria di appartenenza (corso di specializzazione, dottorato di ricerca, master, corso di perfezionamento scientifico e laurea specialistica, corso di formazione specifica in medicina generale, formazione complementare, corsi di formazione e di aggiornamento professionale) per tutto il periodo di formazione (anno di frequenza). Sono esonerati, altresì, dall'obbligo E.C.M. i soggetti che usufruiscono delle disposizioni in materia di tutela della gravidanza.

(Per approfondire vedere determina della CNFC del 17 luglio 2013)

 

 

 

Il Dossier Formativo è un progetto attualmente in fase di sperimentazione, esso costituisce uno strumento a disposizione del professionista e del Sistema Sanitario, per una pianificazione del percorso formativo che risponda sia alle esigenze del singolo in termini di aggiornamento professionale, che a quelle derivanti dai Piani Sanitari Nazionali, Regionali e dell’Organizzazione nella quale presta la propria opera lo stesso professionista.

Uno strumento, il Dossier Formativo, sul quale poggia il Programma nazionale E.C.M. così come ridisegnato dagli ultimi Accordi Stato-Regioni.

Il recente Accordo Stato-Regioni ha confermato, tra gli strumenti per la gestione della formazione continua, il Dossier Formativo individuale e di gruppo, introdotto dai precedenti Accordi del 1 agosto 2007 e del 5 novembre 2009 aventi come oggetto il riordino della Formazione Continua in Medicina.

Il Dossier Formativo è uno strumento di programmazione, rendicontazione e verifica ad uso e a gestione del professionista che, attraverso lo stesso Dossier Formativo, autodetermina, con libertà ed autonomia, il proprio percorso di aggiornamento, tenuto conto degli obiettivi formativi nazionali e regionali.

Il Dossier Formativo dovrebbe dunque assicurare che il processo E.C.M. non sia realizzato in modo estemporaneo ma contemperi i bisogni professionali del singolo con quelli generali dell’organizzazione e del sistema.