Le 22 professioni sanitarie chiedono l’istituzione degli Ordini e lo sblocco dei tavoli sulle competenze

 

Gentile Collega,

Ti segnaliamo un importante articolo pubblicato il 18 Aprile 2016 su IL SOLE 24 ORE - Sanità24, in merito alla

 

Richiesta da parte delle 22 professioni sanitarie  dell’istituzione degli Ordini e dello sblocco dei tavoli sulle competenze

 

Fanno fronte comune le Federazioni degli infermieri, delle ostetriche, dei tecnici di radiologia e il Conaps, il coordinamento nazionale di tutte le professioni regolamentate ma ancora non ordinate in Ordini e Collegi.

L'articolo sottoscritto da Antonio Bortone (CoNaPS), Alessandro Beux (FNC TSRM), Maria Vicario (Fnco) e Barbara Mangiacavalli (Fnc Ipasvi) dichiara l’obiettivo condiviso da raggiungere dei circa 650mila professionisti della salute rappresentati,

cioè l’attivazione degli Ordini attraverso la trasformazione dei Collegi,

con Albi specifici per ciascuna professione sanitaria evitando qualsiasi forma di strumentalizzazione.

Per sostenere le loro professioni, nella sanità di oggi e del futuro, anche prossimo, i rappresentanti delle 22 professioni sanitarie (fra cui ANUPI TNPEE) hanno convenuto sul fatto che serve anche un’operazione culturale. Con l’istituzione degli Stati generali delle professioni sanitarie si attiveranno gruppi di lavoro e di studio condivisi e si creerà un centro studi, per dare voce alle competenze delle professioni sanitarie, attraverso documenti di posizionamento a carattere scientifico, secondo la metodologia internazionalmente validata alla quale si devono attenere tutte le professioni che operano in ambito socio-sanitario.

Su questi argomenti e sulla realizzazione dell’articolo 22 del Patto per la salute, su cui per ora sono state ascoltate solo le rappresentanze mediche, le professioni sanitarie chiederanno un incontro immediato e unitario al Ministro, On. Beatrice Lorenzin, perché si interrompa la lunga attesa nell’applicazione di leggi e accordi – dal comma 566 al Patto per la salute, appunto – e, finalmente, si riconosca alle professioni sanitarie la loro legittimità a stare nell’organizzazione, nel management e nel settore clinico dell'assistenza.

Riportiamo l'articolo di cui sopra al link sottostante:

 

http://www.sanita24.ilsole24ore.com/