Corso ri-abilitazione Neuromotoria Neuropsicologica, ottobre 2019/febbraio 2019, Lissone (MB)

IL METODO SPAZIO-TEMPORALE DI IDA TERZI: DAL CORPO ALLA MENTE

“LA RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA E NEUROPSICOLOGICA”

(durata:60 ore + 5 ore)

 

Responsabili scientifici

Bonelli Luigia (insegnante di Scuola Primaria, Formatore senior, componente Comitato Garanti)

Molino Barbara Maria (fisioterapista, Formatore senior, componente Comitato Garanti)

 

Docenti titolari

Marenzi Adriana (insegnante di scuola Primaria, formatore senior, componente Comitato Garanti)

Molino Barbara Maria

 

Descrizione del corso

Il Corso, di tipo teorico-pratico, è indirizzato agli operatori sanitari che si occupano della Riabilitazione in età adulta ed evolutiva e agli Operatori Terzi Base ed avanzato che desiderano approfondire la valutazione dei disturbi motori e neuropsicologici e la loro riabilitazione attraverso l'intervento con il Metodo Terzi.Questi ultimi, avendo già frequentato il Corso base, potranno partecipare solo alla seconda parte del Corso (riabilitazione NRM e NPS).

La parte iniziale del Corso permette di sperimentare gli esercizi senso - motori elementari finalizzati:

- alla organizzazione dello Spazio Personale, Peripersonale ed Exrtrapersonale

- alla loro graduale integrazione per la creazione consapevole delle immagini mentali di tipo propriocettivo e visuospaziale

- alla verifica del loro sviluppo attraverso l’analisi di appropriate rappresentazioni che si restituiscono dopo ciascun esercizio

- all' organizzazione temporale, con particolare riferimento all'organizzazione ritmica motoria e deambulatoria.

Successivamente, attraverso attività individuali e di coppia, si sperimenteranno gli esercizi specifici per la creazione e la manipolazione di Immagini Mentali e altre attività atte a favorire la costante integrazione tra Pensiero analogico-spaziale e Pensiero logico-verbale.

Inoltre i corsisti impareranno ad individuare e a valutare, in prima valutazione con il Metodo Terzi, gli aspetti relativi ai disturbi motori e neuropsicologici nei soggetti in carico.

In fase finale, attraverso la visione e la discussione in piccolo gruppo di casi clinici, i partecipanti potranno esercitare le competenze acquisite durante il corso:

- registrando e valutando le risposte dei soggetti presi in esame

- individuando il problema principale

- programmando l'intervento riabilitativo individualizzato.

 

Calendario

5-6 ottobre 2019 (15 ore)

19-20 ottobre 2019 (15 ore)

9-10 novembre 2019 (15 ore)

23-24 novembre 2019 (15 ore)

1 oppure 8 febbraio, 2020 (5 ore) (da concordare con i corsisti)

 

 

Orario

Sabato:9.00/13.00-14.00-18.00

Domenica: 9.00/13.00-14.00-17.00

Incontro di 5 ore: 9.00-14.00

 

Sede

Associazione Stefania-via Fabio Filzi, 2

Lissone (MB)

Regolamento per la concessione del patrocinio ANUPI TNPEE

Regolamento per la concessione del patrocinio ANUPI TNPEE

  REGOLAMENTO per la concessione del patrocinio e per l’uso del nome e del logo associativo di ANUPI TNPEE.   Art.1 – FINALITA’ 1) Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità per la concessione del patrocinio con l’uso del nome e del logo associativo da parte di ANUPI TNPEE, in riferimento ad iniziative promosse da altri soggetti, nonché l’adesione ad enti ed organismi, che abbiano particolare rilevanza e siano di specifico interesse per la Professione, ai fini di salvaguardare l’immagine dell’Associazione e normare i rapporti istituzionali con soggetti esterni.   Art.2 – PATROCINIO: DEFINIZIONE E AMBITI 1) Il patrocinio si configura come un’attestazione di riconoscimento e di adesione a iniziative proposte da terzi e ritenute meritevoli per la promozione della Professione, nonché per il valore sociale, culturale e scientifico dei temi proposti, all’interno degli ambiti di intervento dell’Associazione. 2) Il patrocinIo è concesso a titolo gratuito e si esercita mediante apposizione del nome e del logo associativo su manifesti, locandine, pieghevoli, pubblicazioni, web, materiale divulgativo vario, secondo le modalità indicate nell’Allegato 1. 3) La concessione del patrocinio non impegna sul piano economico l’Associazione, né garantisce la messa in campo di servizi di supporto o altre obbligazioni, salvo quando specificamente indicato nella lettera di concessione del patrocinio.   Art. 3 – CRITERI PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO 1) Il patrocinio ...