Sezione lombardia

Ordine TSRM e PSTRP Milano e Istituzioni Regionali: progetti futuri e opportunità di sviluppo

Nella mattinata del 30 marzo 2019 si è tenuto il primo convegno dell’Ordine TSRM e PSTRP della Lombardia. In seguito all’emanazione della legge Lorenzin (3/2018), infatti, 19 Professioni Sanitarie sono confluite nell’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (TSRM PSTRP), e hanno voluto, attraverso questo convegno, aprire un dialogo costruttivo e propositivo con le Istituzioni di Regione Lombardia per condividere i primi obiettivi raggiunti e i futuri obiettivi che l’Ordine si pone nei confronti dei professionisti sanitari.

Dopo la relazione introduttiva di Diego Catania, presidente dell’Ordine di Milano, è intervenuto il Presidente nazionale dell’Ordine, Alessandro Beuxche ha esposto i risultati della procedura di iscrizione (censimento Mastrillo del 21 marzo 2019): attualmente risultano iscritti al portale 142.000 professionisti, di cui 76.000 hanno già completato la domanda e ottenuto l’iscrizione ufficiale all’Ordine. A questi si aggiungono 28.000 Tecnici di Radiologia e 5.000 Assistenti Sanitari che già appartenevano al Collegio TSRM costituito in precedenza.

In particolare, sul territorio nazionale risultano iscritti al portale 4.911 TNPEE (il 98% dei TNPEE presenti sul territorio, secondo la stima di luglio 2018 basata sulla numerosità dei laureati degli ultimi 20 anni). La regione Lombardia, inoltre, eccelle dal punto di vista delle quote di iscrizione: risulta iscritto al portale il 90% dei professionisti sanitari appartenenti alle 19 professioni afferenti all’ordine (25.386 professionisti).

Il presidente ha inoltre comunicato aggiornamenti rispetto alla prossima emanazione dei Decreti attuativi sulla composizione delle Commissioni nazionali di Albo e sul Consiglio Direttivo: essi saranno costituiti da 13 professionisti, dei quali 4 apparterranno ai TSRM, 4 all’area dei professionisti della Riabilitazione (TNPEE, Logopedista, Fisioterapista, etc…), 4 all’area dei professionisti Tecnici (Dietista, Igienista dentale, etc…) e 1 all’area dei professionisti della Prevenzione (Assistente Sanitario e Prevenzione luoghi di lavoro).

Nella seconda parte sono intervenuti gli avvocati dell’Ordine, Carlo Piccioli e Marco Croce, che hanno esposto i principi della legge Lorenzin (3/2018) e i successivi DM che hanno permesso l’istituzione dell’Ordine e hanno approfondito temi relativi a deontologia, etica e professionalità, esponendo i principi della legge Gelli (24/2017) che si riferisce alla sicurezza delle cure e delle persone assistite, alla responsabilità professionale, al ruolo delle linee guida e alla prevenzione del rischio.

Infine, è intervenuto Angelo Mastrillo, referente Università del CONAPS e segretario nazionale della Conferenza Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie che, dopo un’attenta analisi dell’offerta formativa presente sul territorio italiano, ha affermato il bisogno di attivare Master Specialistici e implementare Dottorati di Ricerca. Questa necessità era già stata menzionata nel nuovo contratto collettivo nazionale del comparto sanità avvenuto nel febbraio 2018 mediante l’accordo tra l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN) e le organizzazioni sindacali.