Fonte: Quotidiano Sanità

A Padova la presentazione della Consensus Conference

sul Disturbo Primario del Linguaggio

Pediatri, neonatologi, psicologi, logopedisti, neuropsichiatri infantili e linguisti, uniti per affrontare un problema del neurosviluppo tra i più insidiosi, fonte di serie conseguenze se non affrontato adeguatamente e in tenera età.

 

  • “Disturbo Primario del Linguaggio” (DPL) è la nuova definizione del vecchio Disturbo Specifico del Linguaggio (DSL);
  • 4 anni è l’età nella quale è consigliato effettuare la diagnosi;
  • 30 mesi è il limite massimo entro il quale va prestata attenzione agli indici predittivi, con la raccomandazione di valutazione del vocabolario espressivo, del linguaggio ricettivo e dello status sociale ed economico;  
  • abilità fonologiche e vocabolario espressivo e ricettivo devono essere al centro di un trattamento più adeguato, sulla base delle evidenze disponibili.

Sono questi i 4 punti chiave emersi sabato 25 Novembre scorso dalla prima Consensus Conference dedicata alla diagnosi e al trattamento del Disturbo Primario del Linguaggio (Dpl), promossa dall’associazione scientifica Clasta (Communication and Language Acquisition Studies in Typical and Atypical populations).
 
I risultati del lavoro degli esperti – condotto seguendo le indicazioni del Sistema Nazionale delle Linee Guida indicato dall’Istituto Superiore di Sanità – sono stati presentanti oggi a Padova.

ANUPI TNPEE ha contribuito alla Consensus grazie alla presenza e il prezioso apporto professionale delle colleghe Dott.sse Broggi, Gison e Della Corte.

 

Per saperne di più leggi l'articolo integrale su Quotidiano Sanità

Per tenerti aggiornato, visita il sito dedicato alla Consensus sul Disturbo Primario del Linguaggio

 

Si è svolto a Matera, l'8-9 Novembre 2019, un incontro sul tema della salute mentale in ambito infantile nelle diverse culture. 

L'evento, patrocinato AISMI, e Save The Children, ha offerto la possibilità di rileggere le prospettive della salute mentale infantile, in funzione delle diverse radici culturali e storiche, e dell'impatto che queste hanno sulla traiettoria diagnostico-evolutiva dei bambini stessi. 

 

ANUPI TNPEE ha avuto l'onore di offrire un primo contributo con l'intervento del Presidente Dott. Andrea Bonifacio e della collega Dott.ssa Giovanna Gison. Insieme al Dott.Scuccimarra, Neuropsichiatra infantile, i colleghi hanno riportato l'esperienza italiana nella diffusione internazionale del modello PACT per la presa in carico dei Disturbi dello Spettro Autistico. 

L'associazione ha fornito inoltre un importante contributo grazie all'intervento della collega e socia Dott.ssa Benedetta Zanchi, che ha condiviso la sua esperienza di lavoro in qualità di TNPEE in Spagna, paese della Comunità Europea nel quale la nostra figura professionale non esiste né risulta al momento riconosciuta in ambito sanitario.

Auspichiamo ulteriori future occasioni di scambio, conoscenza e riflessione interculturale, volte ad arricchire la propria ed altrui professionalità e a garantire ai bambini la miglior qualità possibile delle cure in tutte le culture e condizioni

 


Per approfondire i temi affrontati durante la conferenza, scarica la locandina in allegato

 

Roma, 17-18 Novembre 2019

 

Si è svolto a Roma il Convegno Nazionale Scientifico AIDEE 2019 in tema di DISPRASSIA.

Le nostre colleghe dott.sse TNPEE Alice Bernabei e Jenny De Carolis hanno contributo alla sezione poster con un lavoro volto a valorizzare l’importanza e la specificità della figura del TNPEE, raccontando un’esperienza clinica con bambini pre-scolari.

Per saperne di più in merito alla Disprassia e ai Disturbi dello Sviluppo della Coordinazione motoria e leggere i contributi tratti dalla nostra rivista, clicca sui seguenti link:

link 1

link 2

link 3 

Bari, 9 Novembre 2019

 

Si è svolta a Bari la Prima Conferenza Interprofessionale delle Professioni Sanitarie Tecniche, Riabilitative e della Prevenzione

L'evento, volto a costruire relazioni interprofessionale con le aree sanitarie tecniche diagnostiche, tecnico assistenziali, riabilitative, assistenziali e della prevenzione, ha volto la sua attenzione ai processi di attivazione di strategie comunicative di integrazione tra le 19 figure professionali che compongono l’Ordine dei TSRM PSTRP.

Inoltre, ha dedicato una sessione formativa alla conoscenza e divulgazione della responsabilità professionale per incrementare le conoscenze e competenze specifiche in alcune profili professionali, rese indispensabili per rispondere al mutato contesto socio-politico ed economico.

ANUPI TNPEE ha presenziato l'evento con l'intervento della collega e socia Dott.ssa TNPEE Maria Milone, che ha presentato il profilo professionale del TNPEE e ne ha declinato gli ambiti di intervento in età evolutiva, sottolineando la specificità e la globalità dell'approccio allo sviluppo del bambino.

 

 Il 16 febbraio 2019 si è svolto a Napoli con grande successo il primo seminario ECM di aggiornamento professionale organizzato dall’Associazione Tecnico Scientifica ANUPI TNPEE. Sono accorsi oltre 90 partecipanti tra TNPEE, neuropsichiatri infantili, logopedisti e studenti del corso di laurea in TNPEE dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” di Napoli.

A trattare un tema così attuale è stato il dott. Fabio Apicella, psicologo e psicoterapeuta, dell’IRSS Stella Maris di Pisa.

L’evento si è svolto presso la Fondazione Quartieri Spagnoli FOQUS , una comunità di imprese, attività , persone ,che costituisce un vero incubatore sociale nel cuore del centro storico di Napoli, dove l’incrocio e l’ integrazione tra generazioni, culture, saperi, interessi , genera conoscenza e relazione . La Fondazione ha messo gratuitamente a disposizione i suoi spazi per il nostro evento.

L’uditorio è stato sollecitato da un argomento centrale per il TNPEE: le difficoltà di regolazione sensoriale ed emotiva nei disturbi del neurosviluppo. I riferimenti più importanti hanno toccato il tema del Sensory Profile applicato a tutti i disordini del neurosviluppo ed in particolare al campo dei disturbi dello spettro autistico. A tale proposito è stata ribadita l’importanza dell’intervento terapeutico e la presa in carico di questi bambini da parte del TNPEE.

Durante questa giornata formativa è stato prospettato un orizzonte nuovo e molto interessante, ovvero l’apertura, per la prima volta in Italia, dei corsi di certificazione PACT(Paediatric Autism Communication Therapy) in collaborazione con l’Università d

 

Pagina 1 di 2