Lutto nel mondo della Logopedia: Il 23 gennaio 2018 è venuta a mancare la dottoressa Adriana De Filippis

Il 23 gennaio 2018 è venuta a mancare la dottoressa Adriana De Filippis, autrice del "Manuale di logopedia" e logopedista storica dei bambini sordi e docente universitaria del Corso di Laurea in Logopedia presso l’Università Statale di Milano.

I suoi allievi la ricordano per esser stata fortemente contraria a quanti volessero lasciare ai bambini, anche sordi profondi, la capacità di esprimersi soltanto coi segni. Adriana De Filippis fu infatti l'artefice di una terapia innovativa: la terapia logopedica oralista cognitiva; questa è stata estesa anche alla rieducazione di tutti i bambini con disturbi del linguaggio in produzione e/o comprensione. Il metodo si fonda sui principi della neurofunzionalità e della neuroplasticità (De Filippis et al., 2004). In merito si apprende che per acquisire una capacità funzionale, la zona preformata della corteccia cerebrale deve ricevere adeguate stimolazioni durante il periodo di normale maturazione. La privazione della stimolazione acustica, insorta in epoca preo peri-verbale, ad esempio, provoca un’atrofia dei nuclei uditivi centrali con conseguente involuzione morfologica delle aree uditive (Rubel et al., 1984; Clopton, 1986). Ciò ha difatti un ascendente sull’organizzazione del sistema nervoso centrale, per cui compromette lo sviluppo delle abilità linguistico-comunicative.

ANUPI TNPEE si stringe al dolore della famiglia e di quanti abbiano avuto il privilegio di conoscerla.