next
prev

IDEAZIONE PRASSICA, PRASSIA IDEOMOTORIA E CONTROLLO ESECUTIVO IN BAMBINI DAI 2 AI 5 ANNI

IDEAZIONE PRASSICA, PRASSIA IDEOMOTORIA E CONTROLLO ESECUTIVO IN BAMBINI DAI 2 AI 5 ANNI

  Maria Letizia Ferretti, Paola Rampoldi, Giorgio Pietrosanti Cattedra di Neuropsichiatria Infantile, Università Sapienza - Roma   Nei primi anni di vita i bambini imparano a utilizzare oggetti di uso quotidiano con modalità di apprendimento che seguono una comune sequenza evolutiva. in questo periodo si assiste a un’importante evoluzione delle diverse componenti dell’atto prassico, che si influenzano reciprocamente nel corso del loro sviluppo. In un’ottica riabilitativa è importante avere uno strumento che permetta di quantificare le prestazioni del bambino e che fornisca,nel contempo, un’analisi qualitativa delle sue performance. a tal fine è stato ideato uno strumento, la Griglia d... Read more

DALL'EMBODIED COGNITION AD UNA NUOVA VISIONE DEL SISTEMA MOTORIO PER INTERPRETARE LA CLINICA DEI DIS…

DALL'EMBODIED COGNITION AD UNA NUOVA VISIONE DEL SISTEMA MOTORIO PER INTERPRETARE LA CLINICA DEI DISTURBI MINORI DEL MOVIMENTO

  Carlo Muzio Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta; Docente di Neurolinguistica e Neuropsicologia dell’Età evolutiva, Università di Pavia   A partire dall’emergenza delle teorie basate sull’embodied cognition sono illustrate le principali tappe degli studi sul meccanismo dei neuroni specchio nei diversi processi di simulazione. Queste ricerche hanno rivoluzionato la  tradizionale visione del sistema motorio, mettendo in primo piano il ruolo dell’azione nello sviluppo dei processi cognitivi. Oggi dobbiamo considerare centrale il ruolo del circuito azione-percezione-cognizione nelle valutazioni cliniche e negli interventi riabilitativi per i disturbi minori del movimento. La clinic... Read more

I problemi che molte lavoratrici e lavoratori stanno incontrando nell’iscrizione ai nuovi albi delle…

I problemi che molte lavoratrici e lavoratori stanno incontrando nell’iscrizione ai nuovi albi delle professioni sanitarie

  Iscrizione albi professionali delle professioni sanitarie – richiesta incontro urgente Con la presente e in relazione all’oggetto, nel rappresentare l’esigenza di avviare un confronto urgente per affrontare i problemi che molte lavoratrici e lavoratori stanno incontrando nell’iscrizione ai nuovi albi delle professioni sanitarie, riteniamo utile evidenziare i vari aspetti di una situazione, che interessa il ruolo del Ministero e delle Regioni, ed i riflessi che ne scaturiscono per i lavoratori del SSN. I concorsi pubblici fino al 2001 erano regolati dal DM del Ministero della Sanità 30.1.1982 che prevedeva ben altri titoli rispetto agli attuali per l’acceso ai posti vacanti. Per cui e... Read more

Vademecum su iscrizioni agli albi e agli ordini delle professioni sanitarie

Vademecum su iscrizioni agli albi e agli ordini delle professioni sanitarie

    L’ISCRIZIONE ALL’ALBO PROFESSIONALE È OBBLIGATORIA? Sì, l’iscrizione all’albo professionale è obbligatoria per l’esercizio di una delle professioni sanitarie, in qualunque forma giuridica svolta (anche per i pubblici dipendenti). L’obbligo è previsto dalle disposizioni dell’art. 4 della Legge 3/2018 (Legge Lorenzin) – che sostituisce i Capi I, II, III, del D.Lgs. 233/1946, poi ratificato dalla Legge 561/1956 – del D.M. 13 marzo 2018, coordinate con l’art. 2, comma 3, della Legge 43/2006.   QUALI SONO I TITOLI CHE DEVONO ESSERE POSSEDUTI PER POTERSI ISCRIVERE ALL’ALBO? Sono i seguenti: Diploma Universitario/Laurea, abilitante alla professione titolo del pregresso ordinamento ri... Read more

News del 19 Ottobre 2018, dal "Sole24Ore" - Professioni sanitarie, ministero Salute: «Abus…

News del 19 Ottobre 2018, dal "Sole24Ore" - Professioni sanitarie, ministero Salute: «Abusivo chi non si iscrive subito al nuovo ordine multi-albo»

«Tutti i professionisti regolarmente abilitati che intendano esercitare una professione sanitaria in qualunque forma giuridica , hanno l'obbligo di iscriversi da subito all'albo professionale di riferimento». Un adempimento che scatta per i 17 profili - dai fisioterapisti agli ortottisti, dai tecnici di laboratorio ai dietisti, dagli igienisti dentali ai tecnici audiometristi - per la prima volta inclusi in un albo professionale e che devono effettuare l'iscrizione sul portale del nuovo Ordine multi-albo (www.tsrm.org ) istituito dalla Legge Lorenzin, sia se operano nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. E in caso di non ottemperan... Read more

Iscrizione all'albo: Importo della tassa di iscrizione annua 2018 e Assemblee elettorali autunno 201…

Iscrizione all'albo: Importo della tassa di iscrizione annua 2018 e Assemblee elettorali autunno 2018

  Tassa d’iscrizione annua 2018 e assemblee elettorali di seguito la risposta della Federazione Nazionale Ordini TSRM e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione Gentile Presidente, tra i molti che ci vengono costantemente segnalati, negli ultimi giorni sono emersi due temi meritevoli di particolare attenzione per la loro delicatezza, per l'eterogeneità delle informazioni in circolo e per il modo in cui queste impattano sugli animi dei colleghi: importo della tassa di iscrizione annua 2018; assemblee elettorali autunno 2018. Importo della tassa di iscrizione annua 2018 La tassa di iscrizione annua viene approvata dall’assemblea degli i... Read more

 

 

Iscrizioni e Rinnovi 2018

Aperte dal 15 gennaio

Ti ricordiamo che l’assicurazione RCT è obbligatoria per svolgere la nostra attività professionale.

 

 

 

QUOTA ASSOCIATIVA 110 €

90 € ENTRO IL 15 FEBBRAIO 

80 € neolaureati 2017 e sessioni primaverili 2018 
20 € neolaureati sessioni autunnali 2018
  5 € spese di registrazione per rientro

 

QUOTA STUDENTE 35 €

20 € ENTRO IL 15 FEBBRAIO 

 

ASSICURAZIONI

Compagnia AMTRUST

45 € polizza RCT massimale 2 Milioni - info >>
30 € polizza INFORTUNI massimale 50.000 euro - info>>

 

>> TI ISCRIVI PER LA PRIMA VOLTA?

>> SEI GIÀ SOCIO E DEVI RINNOVARE?

>> SEI STUDENTE?

 

 

puntina

Associazione dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell' Età Evolutiva (TNPEE)

E' l'Associazione rappresentativa dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell' Età Evolutiva (TNPEE) per l'ambito sanitario, in virtù del Decreto Ministeriale (14/04/05)

In particolare in ambito Sanitario, l'Associazione è impegnata attualmente, in collaborazione e sinergia con i rappresentanti delle altre professioni sanitarie riuniti nel CONAPS, nel conseguimento degli Ordini e Albi professionali.

Rappresenta i TNPEE in tutte le sedi in cui sia necessario un parere, un controllo che garantisca tutti i colleghi che esercitano questa professione.

 

CONAPS

 



Ultimi Articoli

IDEAZIONE PRASSICA, PRASSIA IDEOMOTORIA E CONTROLLO ESECUTIVO IN BAMBINI DAI 2 AI 5 ANNI

IDEAZIONE PRASSICA, PRASSIA IDEOMOTORIA E CONTROLLO ESECUTIVO IN BAMBINI DAI 2 AI 5 ANNI

  Maria Letizia Ferretti, Paola Rampoldi, Giorgio Pietrosanti Cattedra di Neuropsichiatria Infantile, Università Sapienza - Roma   Nei primi anni di vita i bambini imparano a utilizzare oggetti di uso quotidiano con modalità di apprendimento che seguono una comune sequenza evolutiva. in questo periodo si assiste a un’importante evoluzione delle diverse componenti dell’atto prassico, che si influenzano reciprocamente nel corso del loro sviluppo. In un’ottica riabilitativa è importante avere uno strumento che permetta di quantificare le prestazioni del bambino e che fornisca,nel contempo, un’analisi qualitativa delle sue performance. a tal fine è stato ideato uno strumento, la Griglia di Analisi delle Prassie Transitive (GAP-T), atto ad analizzare e valutare lo sviluppo delle prime prassie transitive. In questo articolo riportiamo il confronto, effettuato attraverso la GaP-T, tra le performance di due bambini della stessa età, ambedue con difficoltà prassiche ma con profili motorio-prassici differenti: il primo con difficoltà di tipo strumentale e il secondo con difficoltà legate alla componente ideativa. la differenziazione dei loro profili fornisce ulteriori informazioni per la definizione di un intervento riabilitativo più specifico e mirato. Nel periodo che si colloca fra i 2 e i 5 anni i bambini scoprono il mondo degli oggetti di uso quotidiano; essi ne apprendono l’uso attraverso un percorso evolutivo caratterizzato dallo sviluppo parallelo dell’ideazione e dell’...

AUTISMO E LINGUAGGIO

Gentili soci e colleghi, vi invitiamo a partecipare all'evento formativo patrocinato da ANUPI TNPEE "AUTISMO E LINGUAGGIO" che si terrà a Matera sabato 10 novembre 2018.   Programma della giornata 08:30 Registrazione dei partecipanti 09:00 Saluti delle autorità         Mario Marra (Presidente Fondazione Stella Maris Mediterraneo)         Roberto Cutajar (Direttore Generale IRCCS Stella Maris)         Giuseppe Montagano (Commissario Straordinario ASL Matera)         Flavia Franconi (Vice Presidente ed Assessore alle politiche della persona della Regione Basilicata 09.15 Apertura dei lavori: Filippo Muratori 09:30 Helen Tager-Flusberg: I disturbi del linguaggio nell’Autismo 11.00 Coffee Break 11:30 Helen Tager-Flusberg: Lo sviluppo precocissimo del linguaggio nei fratellini di bambini con autismo 13.00 Discussione con il pubblico 13.30 Pausa pranzo Chair: Andrea Gemma e Carlo Calzone 14.30 Costanza Colombi: Sviluppo del linguaggio e trattamento ESDM 15.00 Cinzia Milano – Marco Turi: Eterogeneità dei profili linguistici nell’autismo. 15.30 Mariagrazia Paradiso – Antonio Narzisi: Evoluzione delle abilità linguistiche ed adattive in corso di parent couching. 16.30 Discussione 17.00 Conclusione dei lavori    

DALL'EMBODIED COGNITION AD UNA NUOVA VISIONE DEL SISTEMA MOTORIO PER INTERPRETARE LA CLINICA DEI DISTURBI MINORI DEL MOVIMENTO

DALL'EMBODIED COGNITION AD UNA NUOVA VISIONE DEL SISTEMA MOTORIO PER INTERPRETARE LA CLINICA DEI DISTURBI MINORI DEL MOVIMENTO

  Carlo Muzio Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta; Docente di Neurolinguistica e Neuropsicologia dell’Età evolutiva, Università di Pavia   A partire dall’emergenza delle teorie basate sull’embodied cognition sono illustrate le principali tappe degli studi sul meccanismo dei neuroni specchio nei diversi processi di simulazione. Queste ricerche hanno rivoluzionato la  tradizionale visione del sistema motorio, mettendo in primo piano il ruolo dell’azione nello sviluppo dei processi cognitivi. Oggi dobbiamo considerare centrale il ruolo del circuito azione-percezione-cognizione nelle valutazioni cliniche e negli interventi riabilitativi per i disturbi minori del movimento. La clinica dei disturbi del movimento dovrebbe basarsi sulle attuali conoscenze del sistema motorio e sul ruolo della funzione motoria nello sviluppo cognitivo. Purtroppo anche nelle recenti European Academy of Childhood Disability (EACD) Recommendations per i Disturbi della Coordinazione Motoria (Developmental Medicine and Child Neurology, 2012) prevale ancora una visione «periferica», prevalentemente esecutiva della funzione motoria. Da qui la scelta terminologica, non neutrale, di privilegiare l’espressione «Disturbo della Coordinazione Motoria», lasciando in ombra il concetto di disprassia evolutiva o, peggio, considerando i due termini come sinonimi. Reputo necessario ripercorrere alcuni sviluppi teorici nell’ambito delle neuroscienze e delle scienze cognitive per cogliere la nuova visione del...